Arkivet, Thorvaldsens Museum

 
No. 3556 af 10246
Afsender Dato Modtager
Giovanni Battista Sommariva [+]

Afsendersted

Villa Sommariva

Afsenderinfo

Brevet har været lukket med et rødt laksegl, der endnu bærer spor af et heraldisk motiv.

15.10.1824 [+]

Dateringsbegrundelse

Dateringen fremgår af brevet.

Bertel Thorvaldsen [+]

Modtagersted

Rom

Modtagerinfo

Udskrift: All’ Illustre Signore / Il Sig.e Cavagere Thorvaldsen / Consig.e di S. M. Danese / Scultore celebrissimo / Al suo studio / Piazza Barberini / Roma.

Resumé

Kommentarerne til dette brev er under udarbejdelse.

Se original [Translation]

Preg[iatissi]mo mio S[ign]or Cav[alie]re e P[adr]one Carissimo

Villa Sommariva Li 15. 8bre 1824

Ebbi il piacere di scriverLe li 6. corrente. Venni quì, come Le dicevo, e volli prima di tutto rettificare io stesso le misure precise del Salone, ove deve trionfare il di Lei Trionfo; e rilevai esattissimo il Tipo inviatogli colle misure ivi indicate. Rilevai soltanto che tali misure furono prese contro il muro interiore della detta Sala come ora si trova; ma che dovendosi essa restringere tutt’ all’intorno di due oncie Milanesi, cioè di cinque dodicesimi di Palmo Romano, onde formarvi l’apoggio esterno del Freggio, bisognerà tenerne conto nella rispettiva longhezza del Freggio medesimo.

Ciò posto misurai con precisione colla longa Carta ch’Ella mi favorì, la prima metà terminata del Freggio, e riconobbi con vivo piacere, che la 1ma parte, cioè la prima muralia col sudetto Sporto nuovo, và perfettamente bene colli tre primi Pezzi del Freggio cioè nr. 1. il Pescatore, nr. 2 La Barca, e nr. 3 il Fiume. Doppo questi s’incontra l’angolo di risvolto, cioè la Seconda Faciata, ossia muralia, la quale comincierebbe col nr. 4, cioè il Pastore, e và fino al nr. 12. compreso, cioè il donno de’ Caualli, ove poi s’incontra il secondo angolo; e questa è la Partita, in cui Noi quì si siamo ingannati, come Ella stessa potrà riconoscere col confronto della misura marcata nel trasmessogli Tipo sudetto; giacchè trovo, che in complesso questi nove Pezzi, cioè dal 4. al 12. non sono bastanti a coprire esatamente tutto lo Spazio di tale 2da Parete dal primo al secondo angolo. Vi si vorebbe quindi per rimediarvi un altro pezzetto, ossia allongamento di altro di detti 9. Pezzi della precisa larghezza di quasi otto oncie milanesi, ossia di un Palmo, e otto dodicesimi e mezzo.

Rimediato a questa mancanza coll’ agiongere qualche poco di muralia al principio del detto nr. 4. avanti il Pastore, o come Ella crederà meglio, allora tutto il resto và a meraviglia bene; mentre colli successivi nr. 13. al 18. si và appunto a coprire la giusta metà della terza Parete, ove dourà incominciare l’altra partita del Freggio, cioè il Carro d’Alessandro. Per una maggiore, e più sicura intelligenza hò fatto dissegnare quanto hò esposto fin quì, che glielo subordino quì unito.
Dunque qualora Ella creda di agiongere il mentovato Pezzetto di 1. Palmo, e 8. dodicesimi e mezzo, tutto il resto stà ottimamente, come se fosse stato di già quì spedito, o che si compiacesse di subito spedirmelo.

Sono vergognoso, e pieno di rossore di dovere continuamente importunarLa sul sempre eguale Sogetto. Mi perdoni per carità, La prego; e rifletta, che questo, posso dire, è il mio pensiere predominante: Non hò altre idee, che mi tormentino come questa.
Non mi estendo di più. Mi rimetto alla mia precedente. I soliti cordiali Saluti agli ottimi amici valenti. L’abbraccia di nuovo, e sempre col miglior cuore, e con tutta l’anima

L’aff[ezionatissi]mo obb[ligatissi]mo Suo Ser[vitor]e ed Amico
C Sommariva

Arkivplacering
m9 1824, nr. 85
Sidst opdateret 10.05.2011 Print