30.7.1838

Afsender

Giuseppe Martinengo Cesaresco

Afsendersted

Rom

Modtager

Ippolito Fenaroli

Dateringsbegrundelse

Dateringen fremgår af brevet.

Resumé

Martinengo Cesaresco scrive al conte Fenaroli dicendogli che riferirà a Tenerani i suoi ordini e portandogli i saluti di Bassi, pittore incontrato a Roma che, non appena saputo che l’interlocutore era bresciano, gli chiese notizie del Fenaroli. Tenerani aveva chiesto a Martinengo Cesaresco come fosse stata sistemata l’opera da lui realizzata per Fenaroli. Parla poi di una commissione ricevuta da Tenerani da parte della famiglia Torlonia e chiude la lettera raccontando che Thorvaldsen lascerà Roma per sempre per tornare in Danimarca.

Dokument

Pre.mo Sig. Conte,

prima d’ora veramente avrei dovuto rispondere alla più che grata suaI solo il temore d’importunarla troppo di sovente ma [sic] trattenuto non avrei termini onde esprimerle quanto sensibile mi sia stata la tanto gentile sua, cosa che veramente mi ha consolato assai conoscendo ch’ella ha mio riguardo tanta premura e l’assicuro che ciò m’è di conforto assai giacchè godo per lei la più alta stima. Non mancherò di presentare al Sig. TeneraniII i suoi comandi e l’assicuro Sig. Conte che li ha accettati con tutto il piacere possibile e mi ha incombensato di presentarle mille e mille cose per lui, discorso facendo mi domandò come elle avesse accomodato il suo lavoro del Genio della CacciaIII, ed io con giusta lode gli feci la descrizione come con sommo gusto e giudizio è stato accomodato da Lei e rimase assai contento non gli tacqui pure di raccontarle di quanti oggetti di belle artiIV ella sia fornito e ammirò assai il di lei amore per [il] bello come pure ammirò il di lei gusto per esse. Devo pure presentarle i rispetti del Sig.r BassiV, che fui a visitare il suo studio e avendo udito che Brescia è il mio paese natio subito mi domandò conto della di lei persona e con molto piacere udì le sue nuove; non restai di ammirare con molto piacere le sue bellissime oppere [sic] cose veramente degne di tanto artista; così pure le dirò che il Sig. Tenerani ha ora terminato una statua per TorloniaVI, e à rappresentato un VulcanoVII. L’assicuro è una statua degna degli antichi Greci e sublime; vi è poi il braccio manco di una bellezza senza pari bella maestà in tutta la figura, è un lavoro che fa onore al nostro secolo; così pure gli dirò che TorvalsenVIII [sic] lascia Roma per sempre, e il suo sovranoIX gli ha spedito un vascelloX a bella posta per il suo trasportoXI con quattrocento uomini di truppa ma assai gli duole a abbandonareXII Roma non meno spiace agli artisti, la sua partenza. [...] pregandola di voler accettare i miei sinceri doveri mentre con tutto il rispetto e stima mi vanto di dirmi di lei

Dev.mo Servitore
Giuseppe Martinengo,
Roma, il 30 luglio 1838

Generel kommentar

Brevet er afskrevet efter Giacomo Lechi, Adriana Conconi Fedrigolli, Piero Lechi, op. cit. Kun de Thorvaldsen-relevante passager er medtaget.

Thiele

Ikke omtalt hos Thiele.

Andre referencer

Giacomo Lechi, Adriana Conconi Fedrigolli, Piero Lechi: La grande collezione. Le Gallerie Avogadro, Fenaroli-Avogadro, Maffei-Erizzo: storia e catalogo, Brescia 2010, p. 234.

Emneord

Personer

Kommentarer

  1. Si riferisce a una lettera di cui noi non siamo a conoscenza.

  2. Pietro Tenerani fu uno scultore italiano, allievo di Thorvaldsen.

  3. La scultura rappresentante il Genio della Caccia infatti, oggi conservata al MAR (Museo d’Arte della Città di Ravenna), era all’epoca parte delle collezioni d’arte del conte italiano Ippolito Fenaroli, cfr. 16.4.1882. Per ulteriori informazioni sull’opera si rimanda alla relativa scheda, in Giacomo Lechi, Adriana Conconi Fedrigolli, Piero Lechi: La grande collezione. Le Gallerie Avogadro, Fenaroli-Avogadro, Maffei-Erizzo: storia e catalogo, Brescia 2010, p. 193.

  4. La famosa collezione d’arte della famiglia Fenaroli Avogadro, nobile casata bresciana, si trovava nel palazzo oggi Bettoni Cazzago di Via Marsala a Brescia. Fra le opere qui conservate, ricordiamo che un tempo si trovava anche un bassorilievo di Bertel Thorvaldsen raffigurante Cupido e Ganimede, cfr. A395, oggi purtroppo perduto, ma ricordato nelle guide di metà ottocento: Sala (1834) e Odorici (1853). La collezione fu smembrata a seguito di un’asta organizzata nel 1882 dagli eredi della nobile famiglia, ormai estinta, per far fronte a problemi finanziari. Cfr. 16.4.1882 e 22.4.1882.

  5. Vedere la biografia del pittore italiano Giambattista Bassi.

  6. Il committente dell’opera nello specifico è il principe italiano Alessandro Torlonia.

  7. La vicenda della commissione della scultura rappresentante Vulcano viene ricostruita in Oreste Raggi, Della vita e delle opere di Pietro Tenerani, del suo tempo, Firenze 1880, p. 212-214, dove si fa menzione al contratto stipulato nel 1842. L’opera, datata 1844, si trova oggi presso la GNAM (Galleria Nazionale di Arte Moderna) di Roma.

  8. Come spesso accade, l’emittente della lettera storpia il cognome dello scultore danese. Per altri esempi si veda Alberto or Bertel?.

  9. Il re danese a cui si riferisce è Frederik 7.

  10. La corvetta che serviva a trasportare le opere di Thorvaldsen in patria era chiamata “HDMS Galathea” ed era stata varata nel 1831 per la Marina Danese.

  11. Per approfondire quanto scritto da Martinengo Cesaresco si rimanda all’articolo Transportation of Thorvaldsen’s Artworks to Copenhagen 1838

  12. Thorvaldsen partirà da Livorno pochi giorni dopo, il 13.8.1838.

Sidst opdateret 13.05.2020