The Thorvaldsens Museum Archives

 
No. 5625 of 10244
Sender Date Recipient
Angelo Maria Ricci 13.9.1831 [+]

Dating based on

Dateringen er et bilag til Riccis brev af 13.9.1831.

Bertel Thorvaldsen [+]

Recipient’s Location

Rom

Abstract

The commentary for this letter is not available at the moment.

See Original
Memoria Il chmo Conte Angelo Maria d’Elci (defunto) da parecchi anni indietro fece parte al Cavre Angelo Maria Ricci d’un Manoscritto a lui donato dal Cavre di Screwtzer, con l’estratta di moltissimi frammenti Greci non ancora da lui pubblicati nella grande Antologia Greca edita in Lipsia. Il Cavre. Ricci ne pubblicò tradotti in Italiano parecchi, ristampati ultimamente a Livorno con le Versioni di Anacreonte del Cavre De Rogotio. Altri frammenti rimasero inediti, ed ultimamente friegando quasi per ozio nelle sue carte il Cavre Ricci ebbe in pensiero di riunire, e traduire tutti quelli che si attribuiscono a Saffo, de quali prepare una Versione completa. Ora tra i diversi pezzi staccati come di picciole gemme incise, scelso quelli che potessero offrire una qualche immaginetta da tradursi da Classico scalpello, ricordando l’onorevole invito a lui fattone dall’insuperabile Commre Thorwaldsen, il quale benchè emulo de’ più gentili pensamenti Greci, volle andar del pari con essi, e derivo dalla lira d’Anacreonte tanti prodigj del suo scalpello.
  1o. Presso Stobeo nello noto a Pindaro si ha quanto siegue
  = Giove onniveggente assiso in Trono detta le leggi al Mondo, ed Amore ne ha fatto tesoro. Su queste parole l’idea di questo bassorilievo ha nobilitato il testo, ed ha espresso leggiadramente l’ItalianoGiove detta le leggi Amor le scrive
Lo Scoliaste attribuisce questo frammento a Simonide
  2. Presso il medesimo Stobeo nel trattato de amentia
  mentis si ha. Coraggioso Amore hai spiegate le vele nella incostanza crudele del mare sparso di sirti. L’idea del basso rilievo ha indovinato, e compito il pensiero Amor displega in mezzo al mar la vele Si attribuisce a Saffo. Il bassorilievo è più bello assai.
  3. Presso a Plutarco nel Libro=De Amore si legge Amore
  batteva il selse quasi da facile, e scintillava la selse (o il selco) percossa. Qui l’idea del bassorilievo sapai più bella imaginetta che risulta del testo; e tocca il sublime; ma sembra che il Porta abbia veduto Amore battere volgarmente il focile, e forse cader le scintille sopra un gruppo di aride frasche, poichè più sotto si legge … .. ed era aside la frasca. Potrebbe forse il Traduttor dal Classico scalpello modellare su queste indicazioni altra bassorilievo, e serbare il pmo al genere sublime
Si attribuisce ad Ibico
  4. Presso Ermogeni De Iocis si ha Amore accarezzava
  la fideltà del Cane. Il basso rilievo è superiore ad ogni bellezza = Si attribusce a Sofocle
  5. Presso l’Autor degli Etimologici si legge “Amore
  che tutte le arti conosce, industriosa Amore tesseva la reste al con veloce. Non si potra render più bello nel bassorelievo, e più pittorico questo pensiero
Si attribuisce ad Anacreonte
  6. Presso il medesimo Autore si trova “%(underlined)Sulla%
  spiaggia marine sonante Amor ti raccoglica ... intrecciava a se ... le feconde spoglie ... Questo incompleto frammento è reso una gemma nel basso relievo –
Si attribuisce a Teocrito
  Vi sarebbe da aggiungere altro basso rilievo derivato
  da un frammento di Teocrito presso l’Etimologico, ove si dico “Amore dentro una profonda caverna dava fuoco alla rupe. Chi se che il basso rilievo come è immaginato No. 3. non fosse adatto a significar questo incendio del mondo, cambiando la Greccia in una face
  E si potrebbe da Stobeo anche tirare a profitto un
  frammento di Saffo dove dice “… fammi questa rosa Regine de’fiori ... supponendo che lo dica Amore, e che Amore presenti la Rosa a Giove –
  Il Cavre Ricci gratissimo all’onore fattogli dall’insigne
  Commre Thorwaldsen, domanda il promesso di tradurre in tante piccioli Anacreontiche gli indicati bassorilievi, di quali ritiene a tale oggetto i calchi preziosi, e se il novello Fidia si determinasse a cambiare il terzo, e ad aggiungere gli altri due, ne domanda parimente i calchi per sua regola. Questo libretto verrebbe egli mandare in luce pubblicare nelle Nozze del Re di Napoli con la Principessa Cristine di Savoja, che si pubblicheranno nel ventino Novembre. E se per tale epoca fossero incisi i contorni de’calchi medesimi vorrebbe profittare di alcune copie di tali incisioni per adornarne l’edizione di pochi esemplari.
General Comment

Brevet har været vedlagt som “memoria” til Riccis brev af 13.9.1831.

Archival Reference
m16 1831, nr. 49
Last updated 07.01.2013 Print